Spesso si pensa che prevenire una malattia sia molto difficile. In realtà i fattori da tenere bene a mente sono due: sottoporti agli esami di screening, che oggi rappresentano una fonte essenziale per monitorare eventuali situazioni a rischio, e contestualmente adottare uno stile di vita sano e corretto. Si è riscontrato come abbinare questi due fattori sia utile e prevenire la comparsa di un caso di cancro su tre.  La salute del nostro corpo è quindi nelle nostre mani.

A tal proposito il Fondo mondiale per la ricerca sul cancro (World Cancer Research Found) ha stilato il cosiddetto decalogo della salute, che viene costantemente aggiornato.

Secondo il decalogo della salute bisogna:

  1. Mantenersi snelli. Un peso corporeo in linea con l’altezza e l’età è indice di salute generale. Per mantenersi in salute il proprio indice di massa corporea (BMI) dovrebbe rimanere fra 18,5 e 24,9 secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

  2. Mantenersi fisicamente attivi tutti i giorni. Una moderata attività fisica svolta quotidianamente è l’ideale per tenere alla larga malesseri e malattie. Basterebbe una camminata a passo veloce per mezz’ora al giorno o praticare la corsa o uno sport all’aria aperta, almeno due o tre volte a settimana. Ma se si è impossibilitati a farlo basta tenere a mente alcune accortezze da utilizzare quotidianamente, come salire le scale a piedi evitando di prendere l’ascensore.

  3. Limitare il consumo di alimenti ad alta densità calorica ed evitare il consumo di bevande zuccherate. Una dieta troppo ricca di alimenti altamente energetici, in particolare prodotti industriali, è strettamente correlata a un aumento del rischio di sovrappeso e obesità, queste condizioni aumentano il rischio di cancro e di numerose altre patologie croniche. L’uso di bevande gassate e zuccherate è invece da evitare perché forniscono abbondanti calorie al nostro corpo senza aumentare il senso di sazietà.

  4. Basare la propria alimentazione prevalentemente su cibi di provenienza vegetale, con cereali non industrialmente raffinati e legumi in ogni pasto e un’ampia varietà di verdure non amidacee e di frutta.

  5. Limitare il consumo di carni rosse ed evitare il consumo di carni conservate. Le carni rosse comprendono le carni ovine, suine e bovine, compreso il vitello. Non sono raccomandate, ma per chi è abituato a mangiarne si raccomanda di non superare i 500 grammi alla settimana. Gli insaccati e le carni lavorate sarebbero invece da evitare e da consumare solo saltuariamente.

  6. Limitare il consumo di bevande alcoliche. Dagli studi emerge come l’eccesso di alcol è legato a un aumento di rischio dell’insorgenza del cancro. Allo stesso tempo, però, esistono evidenze che un consumo moderato di un certo genere di alcol possa contribuire alla prevenzione del rischio di patologie cardiovascolari. Oltretutto le bevande alcoliche forniscono parecchie calorie, quindi un consumo smodato di alcol può aumentare il rischio di sovrappeso e obesità. Se ne raccomanda quindi un consumo moderato.

  7. Limitare il consumo di sale (non più di 5 g al giorno) e di cibi conservati sotto sale.

  8. Assicurarsi un apporto sufficiente di tutti i nutrienti essenziali attraverso il cibo. Di qui l’importanza della varietà, che rappresenta un ottimo metodo per mantenere l’organismo in salute e prevenire i tumori.

  9. Allattare i bambini al seno per almeno sei mesi.

  10. Nei limiti dei pochi studi disponibili sulla prevenzione delle recidive, le raccomandazioni per la prevenzione alimentare del cancro valgono anche per chi si è già ammalato.